La "Lettera 22"

A volte mi stupisco delle mie azioni.
Mi accorgo di fare delle cose che non condivido pienamente, ma che non riesco ad interrompere mentre avvengono.
Per esempio, avendo deciso di ristrutturare l’archivio dei casi mi è sembrato necessario riscrivere tutti i resoconti in un nuovo formato.
Quando sono andato per farlo mi sono accorto che la vecchia macchina da scrivere, acquistata anni or sono ad un’asta giudiziaria e mai usata con passione, versava in pessime condizioni. Quindi sono uscito e, quasi senza volerlo, mi sono ritrovato in un negozio di macchine per ufficio dove una graziosa commessa mi ha illustrato, in modo competente ed evidentemente convincente, le doti di un nuovo modello prodotto in Italia.
L'Archivio dei casi e la nuova Lettera 22 Mi sono guardato acquistare la nuova macchina e attraversando gli isolati sulla via del ritorno, sfoggiare con leggerezza l’elegante valigetta in pelle che la racchiude.
La nuova macchina, una Olivetti "Lettera 22", si presenta con un aspetto molto moderno che la rende un po’ aliena rispetto al mobilio e agli accessori del mio studio. È compatta e leggera, con la sua carrozzeria in alluminio, e ha meccanismi essenziali e fluidi.
La tastiera è particolare e mi ci vorrà un po’ di tempo per prenderci mano, ma ormai è qui e ho già cominciato a scriverci.

Certo che a questo punto scrivere su anonimi fogli bianchi sembra riduttivo: forse mi serve una carta intestata…












Post N.18
Precedente   Successivo
Muoversi avanti e indietro con le frecce

Oltre alle produzioni tipografiche consulta anche l'elenco degli e-Book con protagonista Dog Kane



Gaggia Francesco - Via del Platano, 25 - Perugia (IT) | P.IVA 03317210544 | Vers. 1.1 - 2017 © Tutti i diritti riservati.